Digital Dialectics
Home
Oral Traditions
Popular Culture
Poetry & Song
Dialect Encyclopedia
Resources & Links
 

Language / Lingua:

 
          

Per aggiungere le vostre conoscenze riguardanti qualsiasi dialetto della penisola italiana o per maggiori informazioni riguardanti il sito, contattarmi alla mail ryan.john.gogol@gmail.com

DETTI DIALETTALI della Provincia Trevigiana

  • Mi no voo combatar
  • E si ciò; E ben ciò
  • Bon
  • Se peso el tacon del buso
  • Ghe rivo
  • Ma garamfati che ti…
  • Go miseria
  • Me go impunerà
  • Te scios
  • Dindiot
  • Astu dite che?
  • Non me intrighe coe vacche de me barba
  • E se tutto intabarà
  • Taja tabari
  • Te consumi pì nisioi che savate
  • Na bea scarpa, na bea sciavatta
  • To mare vaca to pare bo to sio sior
  • Insemenio
  • Grattacasa
  • Strafanti
  • Imatonii
  • Strapol, bocia, sghero
  • Te me ecchi
  • Pataria
  • Villan
  • Da dir de cosar
  • Go dito go fato
  • Ostregheta
  • Dove a pee manca l’aria scampa
  • Se oggi seren non è, doman seren sarà, se non sarà seren si rasserenerà
  • Te si un casso
  • E ghe cavo i cojoni e ghei pico par cravatta
  • Man dea madona
  • Bonino bonano, boton de pano, boton d’argento, dame na bona man ca mi son contento
  • Va a remengo
  • Va in cueo
  • Can de l’ostia
  • Fiol d’un can
  • Te ga il cueo che ghe sta en do careghe
  • Eo to fiol
  • A tu el sengiut
  • Chi no caga el sciopa
  • Te si na broca
  • Son scionf
  • Bigol
  • Porzel da luso
  • Te si un oc
  • Te a le seie come quee de Lucifero
  • Te si mat come un sest
  • Son strac, son stuf, son agro, son sfinì
  • Magname el ton
  • Inciucà
  • Cazza cazzabusi
  • Baciet
  • Manego
  • Secer
  • Saon
  • Gambiera
  • Stauol
  • Piron
  • Stua
  • Pignata
  • Porzel
  • Struca
  • Toa
  • Liviero
  • Faian
  • Atu la luna
  • Ma va a scios
  • Setu sordo/orbo
  • Recia
  • Ocio
  • Ongie
  • Dei
  • Denoci
  • Cadicie
  • Comedon
  • Stramaz

 

COLLABORATORI :

  • FEDERICO GIGLI, 20 ANNI, DIALETTO DI TREVISO E MESTRE, STUDENTE DI GIURISPRUDENZA
  • STEFANO CENEDESE, 20 ANNI, DIALETTO DI CONEGLIANO, CUOCO
  • LIDIA PAVANELLO, 57 ANNI, DIALETTO DI TREVISO ED ISTRANA, DOCENTE ORA IN PENSIONE
  • FEDERICA STIVAL, 20 ANNI, DIALETTO DI CONEGLIANO/VITTORIO VENETO CON CADENZE SICILIANE, STUDENTESSA PRESSO LICEO PSICO-PEDEGOGICO
  • CARMELA BUCCIOL, 84 ANNI, DIALETTO DI ISTRANA E TREVISO, PENSIONATA
  • SERENA BERGAMO, 17 ANNI, DIALETTO DI MOGLIANO VENETO, STUDENTESSA PRESSO LICEO CLASSICO
  • MARIO GIGLI, 52 ANNI, DIALETTO DI TREVISO CON CADENZA DI FRANCESE E TOSCANO, DIRETTORE E GESTORE SVILUPPO MARKETING IN BANCA
  • MIRKO, 40 ANNI, DIALETTO DI TREVISO CAMPAGNA, INFERMIERE
  • WALTER, DIALETTO DI TREVISO CITTà, OPERAIO
  • DAVIDE BEGGIO, 27 ANNI, DIALETTO DI SCORZé/ZERO BRANCO, COMMESSO
  • STEFANIA ZANETTE, 17 ANNI, DIALETTO DI CONEGLIANO CON CADENZA ROMANA, STUDENTESSA PRESSO RAGIONERIA INDIRIZZO LINGUISTICO
  • CRISTIANA ROMANO, 17 ANNI, DIALETTO DI CONEGLIANO CON CADENZA ROMANA,STUDENTESSA PRESSO LICEO PSICO-PEDAGOGICO
  • GAIA MINTO, 20 ANNI, DIALETTO DI MIRANO/VENEZIA, STUDENTE DI GIURISPRUDENZA
  • MARTINA SEGATO, 20 ANNI, DIALETTO DI VITTORIO VENETO/CONEGLIANO/ODERZO, STUDENTE DI GIURISPRUDENZA

 

PROVERBI DELL’ALTA TREVIGIANA

  • Mal de dent - nessun lo sent
  • Assar la strada vecia par la nova - parché tu sa quela che tu assa e no quela che tu trova
  • Un bel taser no fu mai scritt
  • Chi ciapa tant no l strende gnient
  • Le busie le ha le gambe curte
  • No far del mal par aspettar del ben
  • La bontà no ha prezho - e l’onestà gnianca

...E UNA BELLA FILASTROCCA

  • Nina nana bel putin, che la mama l’é andata a l mulin, e ’l pupà l’é andat a segar e la tata a restelar. Nina nana bel putin che te varda Gesù Bambin!

Collaboratrice CLARA DAL CIN in BORTOLINI, 81 ANNI, DIALETTO DI SARMEDE (TREVISO), NONNA DI R. Gogol - autore di “DigitalDialectics” - IMMIGRATA NEGLI STATI UNITI NEL 1949

 

DETTI DIALETTALI di Venezia Mestre

  • Te si un venesian
  • te si de tera ferma
  • Andàr in grìngola
  • Fiàr caìgo
  • Smànfaro
  • Murèr
  • An galin gulore

Collaboratore FEDERICO GIGLI, 20 ANNI, DIALETTO DI TREVISO E MESTRE, STUDENTE DI GIURISPRUDENZA

 

SCIOGLILINGUA E MODI DI DIRE GENOVESI

  • So asæ se a sâ a l'e asæ pe saâ a säsissa
    non so se il sale basta per salare la salciccia
  • Scia scie scignua, sciando scia xoa in sci scï
    scii, signora, sciando vola sugli sci
  • In sciô moe noeo ghe noee nae noee; a ciû noea de noee nae noee a n'oe anâ
    sul molo nuovo ci sono nove navi nuove; la più nuova delle nove navi nuove non vuole andare
  • Sun zeneize, rizo rêo, strenzo i denti e parlo chêo
    sono genovese, rido poco e stringendo i denti dico ciò che penso (parlo chiaro)
  • Al bambino che si lamenta “Ho fame”, facilmente la mamma risponde:
    Grattite e zenugge e fatte e lasagne
    grattati le ginocchia e fatti le lasagne 
  • Puscito ese alûghetôo
    Possa tu essere portato via (?): è una imprecazione con cui si manda a quel paese qualcuno che l’ha fatta grossa
  • Chi veû vive da bôn cristian, da-i begghin u stagghe lôntan
    Antico proverbio che mette in guardia da fanatici ed ipocriti: Chi vuole vivere da buon cristiano, dai beghini (i falsi devoti) stia lontano

Collaboratrice PAOLA SERGI, ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA NEW

 

ESPRESSIONE IN VERNACOLO FIORENTINO

  • Pe’ ceppo si mangia i’ cappone, pe’ capodanno le lenticchie’ perche’ e’ portano i’ cattrini
    per Natale si mangia il cappone, per capodanno le lenticchie perché portano i quattrini

Collaboratore DR. ALESSANDRO VETTORI, PROF. DI ITALIANO E DIRETTORE AD INTERIM DI STUDI ITALIANISTICI - RUTGERS UNIVERSITY

 

PROVERBI IN DIALETTO ABRUZZESE

  • A vag’ a vag’, c’inghie la pignata
    a vago a vago, si riempie la pentola 
  • La mogli’ e bov’ de le paese tayu
    la moglie ed il bue del paese tuo 
  • Famme prime, e famme fess’
    fammi primo, e fammi fesso
  • A lava’ la coccia a l’asine ce remitte tiempe e sapone
    a lavare la testa dell’asino, sprechi tempo e sapone
  • La fémmene sènza pètt’, é gné ‘nu scudellare sènza piatte
    la donna senza petto, è come un piattaio senza piatti
  • Pe’ la fémmene, la bbellezz’ é mmèzza dót’; e lla bbundà é ttutte
    per la donna, la bellezza è mezza dote; la bonta’ è dote completa
  • Mitte lu cappèll' a ‘nu crapóne, la fémmene ce se ‘nnamóre
    metti il cappello a un caprone e la donna se ne innamora
  • L’amóre se cumènze nghe ssón’ e ccande, e sse fernisce nghe ‘nu mare de piande
    l’amore comincia con suoni e canti, e finisce in un mare di pianti
  • L’amór’ é ‘na bbèlla cóse, ma la fam’ é ‘na bbrutta bbèstie
    l’amore è una bella cosa, ma la fame è una brutta bestia

Collaboratore MICHAEL LUPI, 23 ANNI, DIALETTO DI VILLALAGO (L’AQUILA), STUDENTE DI LETTERATURA INGLESE

 

PROVERBI E MODI DI DIRE NAPOLETANI

  • Chi cient'ann vo cambiaà e cazz suoi sadda fà
    farsi i fatti propri
  • Nserviziu e ddiu
    prendersela con pazienza
  • Un cià perda ra coppula ntra fudda
    riesce a cavarsela sempre
  • Cose e notti vrigogne e jurni
    di notte le cose non sono ben fatte
  • U pisciu rossu si mangia ru minut
    il forte vince sempre
  • Si teni pressa curchiti
    se hai fretta vai a coricarti
  • A gatta pressalura 'a fatti i figghi cecati
    con la fretta le cose si fanno male
  • Ti vo ' spaccari nu tronu
    che tu possa essere colpito da un fulmine
  • Cuntenti ti vijo
    ti ho rivisto con felicità
  • Fa na juta e na venuta
    va e torna subito
  • Gioya ranna e ru coru miu
    tesoro mio
  • I sordi e l’osulari si frica ru sciampagnunu
    i soldi dell’usuraio li sciupa il buontempone
  • Ti vo’ bbeniri nu boni
    che ti capiti un gran bene
  • Vo’ restari erramu e spatrunato
    che tu possa andare ramingo e senza padrone
  • Nasci affortunatu e jettiti a mare
    se sei fortunato non affonderai mai
  • Omi e vini quattro a carrini
    gli uomini ubriachi non valgono nulla
  • Un cià perda ra coppula ntra fudda
    riesce a cavarsela sempre
  • Tena ri cugghiuni torciniati
    è molto furbo, intraprendente
  • Ti vo’ rumpiri i gammi
    che tu possa romperti le gambe
  • Mi sugnu fattu nu pizzulunu
  • ho avuto forte meraviglia
  • A ri cani vò ghiri
    che ti colga un malanno
  • Armare a questione
    cercare un pretesto per litigare
  • Abbonura
    che non succeda mai

Collaboratrice GIULIA LINGUANTI, 19 ANNI, DIALETTO NAPOLETANO, STUDENTESSA UNIVERSITARIA DI PSICOLOGIA

 

DETTI DIALETTALI IN SICILIANO

  •  Ko
    la figa
  • Jucari a buè
    fare le cose di nascosto
  • Aviri a scorcià ’ n culu
    essere ancora piccoli
  • Jttari sfinci
    affaticarsi inutilmente
  • Aviri 'u bruttu bestia
    avere il diavolo in corpo
  • Aspittari u corvu
    aspettare chi non tornarà
  • Calari ‘u sipariu
    non far vedere
  • Jucari a crìsciri
    fare le cose spontaneamente
  • Sunaricilla a unu
    calunniare qualcuno
  • Tràsiri dà porta fàusa
    ottenere qualcosa con imbroglio
  • Fari ‘u caddu
    fare l’abitudine
  • Essiri ‘na nuci vacanti
    buono a nulla
  • Finiri a fetu
    finire a malo modo
  • Scippari chiova chì denti
    fare grandi sacrifici
  • Essiri cogghipezzi
    perdere tempo
  • Carcariari
    rivelare segreti
  • Chiamare i cani
    battere ritirata
  • Rusicari favi
    essere geloso
  • Aviri ‘u cori comu’ na cipudda
    non affezzionarsi a nessuno

 COLLABORATORI :

  • KEOMA FONTANA, 20 ANNI, DIALETTO SICILIANO, OPERAIO
  • DINA MARTINO, 47 ANNI, DIALETTO SICILIANO, INSEGNANTE
  • FEDERICA STIVAL, 20 ANNI, DIALETTO SICILIANO CON CADENZE VENETE, STUDENTESSA PRESSO LICEO PSICO-PEDEGOGICO

 

          
   


 
Sito sviluppato da Ryan Gogol in collaborazione con Twin Towers Design Company.
Per maggiori informazioni contattare R.G. alla mail Ryan Gogol.