Digital Dialectics
Home
Oral Traditions
Popular Culture
Poetry & Song
Dialect Encyclopedia
Resources & Links
 

Language / Lingua:

 
          

Back to Menu | Folktales from Northern Treviso | Proverbs from Northern Treviso | Popular Proverbs of the Veneto

Proverbs from Northern Treviso (in the dialect of Vittorio Veneto)

source: Proverbi scelti da Fierùn di Paolo Peruch, Vittorio Veneto, 2001.

A  |   B  |  C  |  D  |  E  |  F  |  G  |  H  |  I  |  J  |  K  |  L  |  M  |  N
|  O  |  P  |  Q  |  R  |  S  |  T  |  U  |  V  |  W  |  X  |  Y  |  Z

A far a so modo - se vive zhènto ani de pi

A far i conti sènzha l oste - toca farli do volte
come i calcoli, anche i progetti sono esposti a sgradevoli sorprese, a delusioni

A San Fior - no l é l zhimitèro parché i mor tuti in preson

Al cafè - al ghe vol scotà sentà scrocà
prenderlo caldo, seduti e gratis

Al dì che se semenea - no se racòlie

Al diàvol - insegna a far la pignata - ma nò l quèrcio

Al grisù - no l é credù
l é l ingrespà - che dis la verità
circa l’età, il grigio dei capelli mente: fanno testo le grinze della pelle

Al martèl - al magna pèl de cojoni

Al naso che pissa in boca - guai chi lo toca
naso aquilino: persona suscettibile e aggressiva [per chi vuole credere al blasone]

Al primo amor - no fa mai rùdhen

Al quòr - no invèce mai

Al tènp, al cul e i siori - i fa quel che i vol lori
il tempo, il culo e i signori: equiparanti in fatto di capricci, stravaganze e dispotisimi

Al tosat che l sie san - e che l sàpie guadagnarse l pan
le qualità essenziali dello sposo: sano, fisicamente e moralmente, e bravo lavoratore

Amor - no l é brodo de fasói

Amor sènzha barufa - sa da mufa

Ani e bicerin - no se i conta
è scortesia contare gli anni altrui e i bicchierini offerti o bevuti

“Beata quela sposa - che par prima la à na tosa!”
quando i figli erano numerosi, la madre era fortunata se generava per prima una femmina, perché questa l’avrebbe aiutata nell’allevare gli altri nati e nelle faccende domestiche

“Bianc e nero - méneme a casa!”
vino bianco e rosso, assieme: sbronza assicurata (e perdita della trebisonda)

Bisògna proar - par saver
la prova fonda il sapere

Bisògna salvar l ort - par le verde
riservare una parte di orto alla coltivazione delle verze

Bon marcà - sbraga la borsa
acquistare merce a buon mercato ti porta a dover rifare la spesa, ti svuota il portafoglio

Can che bàia - no mòrsega

Carne vècia in becarìa - can o gat la porta via
un cliente o l’altro se la prende (un uomo o l’altro si sposerà la vecchia zitella)

Chi a quìndese no sa - a trenta no fa

Chi à tènpo - no spete tènpo

Chi barata - se inbrata
col baratto ci si impegola in affari conclusi imperfettamente (meglio lo scambio col denaro)

Chi bon vol parer - testa o panzha à da joler
bellezza ed eleganza esigono scelte poco piacevoli nella cura dei capelli e nella dieta

Chi che no capis né basto né brena
no val russarghe la schena né darghe la vena
con uomini e cavalli recalcitranti e ribelli sono inutili sia bastone che carota (avena)

Chi che vol cior al pon - l à da sbassar la rama
chi che vol la puta - carezhe so mama
se vuoi conquistare la tua bella (dolce mela), devi ingraziarti la sua mamma

Chi fa pi de mama - ingana

Chi lavora par sè - lavora par tre

Chi lo sa far, lo magna còt - chi no lo sa far, lo magna cru

Chi no à testa - à ganbe

Chi no le fa da dhóven - le fa da vècio

Chi no se contenta de l onesto - perde l mànego e anca l zhesto
se carichi eccessivamente il cesto, perdi tutto

Chi par mar chi par tèra - salvéme de la guèra

Chi pi spende - manco spende

Chi ride de vèndre - piande de doménega

Chi rispèta - vien rispetà

Chi ronpe da vècio - paga da novo

Chi salva la so pèl - salva un bèl castèl

Chi va a l mulin - se infarina
chi frequenta certi ambienti, ne resta segnato

Chi va pian - va san e va lontan
chi va forte - va a la morte

Chi vivrà - vedrà

Co i é pìzhoi, i bala su i dhenòci - co i é grandi, i bala su l còr
i figli piccoli giocano sulle ginocchia; grandi, possono straziarti il cuore

Co i nasse i é tuti bèi - co i se sposa i é tuti siori - co i more i é tuti santi

Co i se trova su la sessantina
i se domanda doe che ghe jol
nò come che i stà
a una certa età i malanni sono di casa, ‘duole’ sempre da qualche parte

Co l ciaro de luna e co l lustro de candela
no se pol stimar né dòna né tela
donna e stoffa, semplici oggetti di esame, equiparate nella stima maschile

Co nasse na tosa - nasse tre ladri
con la complicità della madre, la figlia porterà via la dote, il genero e la figlia

Corpo san - pissa spes come un can

Crédeghe a tuti - no fidarte de nissun

De l bèl tènp e de la bona dhènt - no se stufa mai
bel tempo e buona gente non vengono mai in uggia

Desiderar quel che no se pol ver - travien da poc saver
traviene. deriva da ignoranza e inesperienza

Dhioba entrada - setimana andada
(ma chi che no à gnent da magnar - l à ncora tre dì da pensar...)
“Arrivato il giovedì, un’altra settimana è andata”, ma per il povero campare un giorno in più è una scommessa

Doe che no se vol andar - toca córer

Doe l amor l é - la ganba tira l pié

Fata la càpia - morto l osèl

Fin a diese, i é tosatèi - co i à passà i setanta, i torna quei
oltre i settant’anni si torna come i bambini, deboli e non autosufficienti

Fin che fridhon fridhea - parenti e amizhi corea
co fridhon no fridhea pi - amizhi e parenti i vea fenì
quando il friggitore funziona, tutti gli corrono attorno; ma quando la padella è vuota...

Fin che l é tose - anden a morose
co se trata de maridarse - gnanca a pensarse
troppo impegnativo sposarsi

Fiori e fruti - azhetarli da tuti
soldi e buzholà - vardar come che sa fa
doni non impegnativi, accettali pure; quanto ai soldi e ai dolci, vacci cauto

I sògni - i é parènt de le scorede
sogni meritano la medesima considerazione dei peti

In lèt bonora e sù bonora - manda l mèdego in malora

L é pi dì - che lugàneghe
le salsicce di maiale nella dispensa non durano quanto la fame

La man destra - no la à da saver quel che fa la sinistra

La prima la é na fachina - la seconda la é na regina

La prudenzha - no la é mai massa
mai troppa, tanto nel valutare quanto nel parlare o nell’agire

La tosa - che la piasa - che la tasa - e che la stae a casa
curi il decoro e il tratto, sappia tacere, resti in casa

La via de mèdho - la é la pi justa

La vita la é bèla! - (co i schèi in scassèla!)
“La teoria va bene, ma senza i concreti schèi in tasca...”

Le marevéje le dura tre dì - e po l é tut fenì

Le montagne le stà ferme - i òmi i camina

Le parole de la fia / de la mama / le ondhe
le parole de la niòra / de la madòna / le pondhe
sono balsamo, se dette dalla figlia / dalla mamma; sale sulla ferita, se dette dalla nuora / dalla suocera

Mai far al pas pi longo de la ganba

Mai magnar tut quel che se à
mai créder tut quel che i dis
mai far saver tut quel che se sa

Mal no far - paura no ver

Mama bèa - na putèa
se il voto della gestante si presenta bello, il nascituro sarà una femminuccia

Maridà - castigà
definizione icastica del matrimonio

Mòrt un papa - i ghen fa n’antro
mòrt un re - i ghen fa tre
mòrt mi - no i ghen fa pi

Né par tòrt né par rason - no farte méter mai in preson

No l é amor - se no i se assa - e no i se torna cior
l’amore deve passare attraverso qualche prova per collaudarsi e temprarsi a dovere

No l é bèl quel che l é bèl - come che l é bèl quel che pias

No l é mai pan sufizhènte - par stroparghe la boca a l maldizhènte
i maldicenti non scompariranno mai (neanche se li carichi di benefici)

No l é rosa - sènzha spin

No l é sabo sènzha sol - no l é doménega sènzha amor
(no l é prato sènzha erba - no l é camisa sènzha merda)

No l é sabo sènzha sol - no l é puta sènzha amor
no l é tela sènzha ragni - no l é acqua che no bagni
no l é nessun che Dio bandoni - pìzhoi grandi cativi e boni

No se move fója - che Dio no vója

No state intrigar co i preti - no stà maltratar i vèci

“O magna sta menestra - o fòra par la finestra”

Onora l fiol e la niòra - se nò i te para fòra
se non vuoi farlo per rispetto alle persone che vivono con te, fallo almeno per evitare che ti caccino di casa

Pa ndar a darle ghe vol do sac - un par darle e un par ciaparle
due sacchi per chi va a menar botte

Paese che vai - usanzha che trovi

Pan vin e zhoche - e assa che l fiòche
la neve fiocca? niente paura: basta un po’ di pane vino e grossi ceppi

Panzha piena - no se pensa de quela voda

Par chi che se intende - e par chi che no se intende
se te à la camisa curta - i te vede le fazhènde

Parona inbriàga - polenta tardi
padrona di casa ubriacona? la famiglia cenerà sempre tardi

Pati ciari - amicìzhia longa
su franchezza e trasparenza si basta il legame forte e duraturo (non sul ‘volémosse ben’)

Pecà vèci - penitènzha nova

Picadi a un ciòdo - ma qua

Pìlole de galina e siròp de cantina - manda via la medesina

“Pitòst che te more ti - l é mèjo ... che rèste vedovo mi!”

Pitòst de èsser poreti - l é mèjo no ver gnent

“Pitòst de lavorar - me ingiazhe!”
“...resto inattivo e rincoglionito, a infreddolire”, disse il fannullone

Prest e ben - no se convien
l’opera realizzata in fretta e furia non può riuscire perfetta

Puìna - pi che se ghen magna - manco se camina
la ricotta è povera di sostanze energetiche

Quande che l corpo se frusta - l’anema la se justa

Quande che na roba la sa da puzha - no stà méter mai al naso

Quande che se passa la zhinquantina - se sente un dolorin ogni matina

Quei da San Vendeman - quel che no i fa incó, i fa doman
senza fretta, senza assilli

Quel che fa la sìmia - fa anca l simiòt
chi scimmiotta...è uno scimmiotto

Quel che no sucede inte un ano - pol suceder inte un minuto

Quela svejarina - la fa sù l let a la matina
quela cussì e cussì - la lo fa sù a meodì
la pitocata - la lo fa sù co la met dó la culata

Quòr contento - Cielo aiuta
(ma se l casca par tèra - al se ronpe la zhuca...)
“Contentezza e fiducia in Dio: tutto andrà sicuramente a posto”, dice il saggio; sennonché

Ride ben - chi ride ultimo

Sangue da l mur - no se ghen cava

Schèrzo bèl - dura poc

Scotadi da l’aqua calda - se à paura anca de quela freda

Se l’invidia fusse fèbre - tut al mondo ghen avrèbe

Se more quande che l Signor ne ciama

Se piase l marito - piase anca l sito

Se te vol saver chi che son - varda chi che pràtiche
attenzione alla scelta degli amici: ne va della nostra identità sociale

Se un l é massa bas - se ghe alzha i tac a i zhòcoi
troppo basso di statura? nessun problema: basta fornire tacchi più alti agli zoccoli

Senpre coràjo - mai passion
(crepa la mussa - e resta l paròn)

Soldi e amicìzhia - sospende la justìzhia

Spizha a l cul - sagra a l inferno
prurito al culo? i diavoli sono in festa laggiù

Spizha a l naso - na létera o un baso
prurito al naso? bella novità in arrivo

Sposa bagnada - sposa fortunada

Te le robe de casa - lengua rosa

“Tiente in bon, zhest - che te à un bon mànego!”
dedicato al solito esibizionista fatuo che si è montata la testa per qualche suo presunto attributo (il cesto resta comunque un povero arnese)

Tomaso no l crede - fin che no l mete l naso

Tra i do litiganti - al terzho gode
(e chi che ciol de mèdho - le ciapa...)

Tre fémene e un pignat - al marcà l é fat
tre donne e un solo focolare: la babele, tipica del mercato, è garantita

Tre robe difizhili
sèlier un bon melon - conprar un bon caval - cior na bona fémena
il melone può rivelarsi insapore, il cavallo poco affidabile, la moglie cattiva

Trenta mulinèri trenta butighieri e trenta favri - i é novanta ladri

Trevisan - radicion
e mangiano radicchi veramente blasonati

“Tronba de culo - sanità de corpo
jùteme mi - se nò son morto!” / “tronbeta, culo - se nò te sé morto!”

Tut al mondo - l é paese

Tute le scuse le é bone - pa l mal de panzha

Tute le tère le é bone - par chi che sa lavorarle

Tuti i grop - i riva a l pèten
prima o poi la tessitrice deve fare i conti coi nodi dei fili dell’ordito che fatalmente incappano nel pettine del telaio

Tuti i sa quel che bóje inte la so pignata

Tuti i se gòde a véder al mat in piazha
(basta che no l sie de la so razha!...)

Tuti ven la nostra crose

Un bocon de polènta
al se lo guadagna anca l can a menar la coda sote la tòla

Un lavoro ben fat - no i te dimanda mai quant che te sé stat

Val pi la pratica - che la gramatica

Vardando l é un cont - sonando l é n’antro
facile guardare e giudicare: prova, prova tu a suonare!

Vita e dolcezha - par quìndese dì
e poi e poi... - dèbiti e fiói
prima la ‘luna di miele’, breve breve; poi debiti da pagare e figli da mantenere

Vivi e assa vìver

Voltàndose indrìo - se vede chi che stà pèdho

Zhènto mesure - un tai sol
così devono fare la sarta o il falegname, per non rischiare di rovinare la stoffa o l’asse da tagliare

 

 

          
   


 
Site Concept and Content by Ryan Gogol. Site Design and Consulting provided by Twin Towers Design Company.