Digital Dialectics
Home
Oral Traditions
Popular Culture
Poetry & Song
Dialect Encyclopedia
Resources & Links
 

Language / Lingua:

 
          

Back to Menu | Folktales from Northern Treviso | Proverbs from Northern Treviso | Popular Proverbs of the Veneto

Popular Proverbs of the Veneto

source: Proverbi scelti da Proverbi del Veneto di Giovanni Antonio Cibotto, Firenze , 2000.

A  |   B  |  C  |  D  |  E  |  F  |  G  |  H  |  I  |  J  |  K  |  L  |  M  |  N
|  O  |  P  |  Q  |  R  |  S  |  T  |  U  |  V  |  W  |  X  |  Y  |  Z

A dir busie ocor bona memoria.
A dire bugie occorre buona memoria.

A dir la verità basta un coion, ma a dir busie ghe vol un bricon.
Per dire la verità basta un coglione, ma per dire le bugie occorre essere furbi.

Ala de capon, culo de castron e tete de massara xe una cossa rara.
Ala di cappone, culo di castrone e seno di massaia sono cose rare.

A la sagra del vilan, se la xe ancò, vaghe doman.
Alla festa del contadino, se è oggi vacci domani.

A la sera ciochi, a la matina bisi.
Alla sera ubriachi ed al mattino storditi.

A l’ostaria no vago, ma co ghe son ghe stago.
All’osteria non vado, ma quando ci sono ci resto.

A la sagra del vilan, se la xe ancò, vaghe doman.
Alla festa del contadino, se è oggi vacci domani.

Amor de mare, amor de mato.
Amore materno, amore pazzo .

Amore, merda e çenere, le xe tre cose tenare.
Amore, merda e cenere, sono tre cose tenere.

Amor senza barufa, fa la mufa.
L’amore senza litigi, fa la muffa.

Anara lessa e bigolo tondo, a la sera contenta el mondo.
Anitra lessa e spaghetti, alla sera rendono felice.

Anca el bon pan, a longo andar el stufa.
Anche il pane buono a lungo andare stanca.

Anca la coscienza fa el calo.
Anche la coscienza fa il callo.

Ancuo val più i schei de la virtù.
Oggi valgono più i soldi della virtù.

A San Martin, casca le foje e se spina el bon vin.
A San Martino cadono le foglie e si spilla il buon vino.

A sto mondo bisogna adatarse, o inrabiarse, o desperarse.
A questo mondo ci si adatta, oppure ci si arrabbia o ci si dispera.

A trincar senza misura, molto tempo no se dura.
A bere fuori di misura, non si vive molto.

Barca neta no vadagna.
Barca pulita non guadagna.

Boca sarà no ciapa mosche.
Bocca chiusa non mangia mosche.

Bone parole e cativi fati, ingana savi e mati.
Le buone parole e le cattive azioni ingannano savi e pazzi.

Botega de canton, fa bezzi ogni mincion.
La bottega d’angolo fa ricco chiunque.

Bravure da zovani, dogie da veci.
Bravate giovanili, dolori in vecchiaia.

Caval che varda indrio, el g’ha poca vogia d’andar avanti.
Cavallo che si volta indietro ha poca voglia d’andare avanti.

Çena longa, vita curta; çena curta, vita longa.
Cena lunga vita breve; cena breve vita lunga.

Chi cade in povertà o en poverela, perde l’amigo e anca la parentela.
Chi cade in povertà oppure in condizioni disagiate, perde l’amico e i parenti.

Chi carezza la mula ciapa piade.
Chi carezza la mula piglia pedate.

Chi canta a tola o in leto, xe mato perfeto.
Chi canta a tavola oppure a letto, è matto perfetto.

Chi ciama Dio no xe contenti.
Chi invoca Dio non è contento.

Chi davanti te leca, de drio te sgrafa.
Chi davanti ti lecca, dietro ti graffia.

Chi fa la festa no la gode.
Chi organizza la festa non la gode.

Chi ga bela muger no la xe tuta soa.
Chi ha una bella moglie non deve considerarla tutta sua.

Chi ga tera ga guera.
Chi ha terra ha liti.

Chi magna tuto, caga tuto.
Chi mangia tutto, caca tutto.

Chi no roba no fa roba.
Chi non ruba non arricchisce.

Chi pissa contra ’l vento, se bagna la camisa.
Chi piscia contro vento si bagna la camicia

Chi se marida in pressa, stenta adasio.
Chi si sposa in fretta, pena lentamente.

Chi tropo se tira indrio finisse col culo in rio.
Chi troppo si tira indietro finisce col sedere nel canale.

Chi va drio ai altri, no passa mai avanti.
Chi segue gli altri non passa mai davanti.

Chi va per el mondo tuto vede, e chi sta a casa no lo crede.
Chi va in giro per il mondo vede cose nuove, a cui il retrogrado non crede.

Chi varda la luna casca in fosso.
Chi guarda la luna cade nel fosso.

Chi vol mistier mal fat, el paga enanzi trat.
Chi vuole un lavoro mal fatto, paghi prima del tempo.

Chi vol essar ben vardà, vada a messa scominçià.
Chi vuole essere notato, vada a messa iniziata.

Chi vol star ben, toga le cose come le vien.
Chi vuole stare bene, accetti le cose come vengono.

Co ’l cavelo trà al bianchin, lassa la dona e tiente al vin.
Quando i capelli diventano bianchi, lascia le donne e passa al vino.

Co i picoli parla, i grandi à parlà.
Se i piccoli parlano, vuol dire che i grandi hanno parlato.

Co i xe più i passi che i boconi, l’è un andar da coioni.
Quando la fatica è superiore al risultato, è un lavoro inutile.

Co la fame vien dentro da la porta, l’amor va fora per i balconi.
Quando la fame entra per la porta, l’amore se ne va per i balconi.

Co la merda monta in scagno o che la spuzza o che la fa danno.
Quando il povero arricchisce, dà fastidio oppure fa danno.

Co le bele cresce i corni.
Con le belle spuntano le corna.

Comiçi, poeti e balerini, el so final xe a l’ospedal.
Attori, poeti e ballerini finiscono all’ospedale.

Co no ghe nè più, capita el gran bacan.
Quando non ci sono più soldi, capitano le liti.

Co no vien dal cor, cantar no se pol.
Quando non viene dal cuore, non si può cantare.

Co poco se vive e co gnente se more.
Con poco si vive, e con nulla si muore.

Corpo pien, anema consolà.
Quando il corpo è pieno anche l’anima si consola.

Co se perdi i primi fruti, i xe persi tuti.
Quando si perdono i primi frutti, sono persi tutti.

Co se vien veci, se perde la virtù: la pansa se ritira, la chitara no sona più.
Quando si diventa vecchi si perde il vigore: la pancia si ritira e la chitarra non suona più.

Da set’ani i xe putei, de setanta ancora quei.
A sette anni sono bambini, a settanta ancora uguali.

De aria no se vive.
Di aria non si vive.

Dime chi son, ma no me dir chi gera.
Dimmi chi sono, ma non dirmi chi ero.

Dolor confidà, xe guario per metà.
Dolore confidato, è per metà guarito.

Drio i ani ghe va il giudizio.
Il giudizio segue l’età.

El bon vin se trova dai paroci.
Il buon vino si trova dai preti.

El bovolo xe un pasto fin, bon par el vecio, bon par el putin.
La chiocciola è un pasto fino, buono sia per i vecchi che per i bambini.

El cul no va in paradiso.
Il culo non va in paradiso.

El fruto no casca lontan da l’albero.
Il frutto non cade lontano dall’albero.

El galo prima de cantar, el sbate le ale tre volte.
Il gallo prima di cantare sbatte le ali tre volte.

El ladro dove el sta, no ’l roba.
Il ladro non ruba dove abita.

El morir l’è l’ultima capela che se fa.
Il morire è l’ultimo sbaglio che si fa.

El mal del paron manda tuti a canfurlon.
Il male del padrone manda tutti alla malora.

El paron xe ’l ragno, e ’l contadin la mosca.
Il padrone è il ragno ed il contadino la mosca.

El pare fa la roba e i fioi la vende.
Il padre fa la ricchezza, ed i figli la consumano.

El pesse grosso magna el picolo.
Il pesce grande mangia quello piccolo.

El poro om no l’è da conseio:
el parla ben, no l’è scoltà,
el parla mal, e l’è picà.
Il poveruomo non è da consigli:
parla bene e nessuno l’ascolta,
parla male e viene impiccato.

El primo amor toca ’l cuor.
Il primo amore tocca il cuore.

El sol che nasse g’ha più adoratori de quel che tramonta.
Il sole che nasce ha più adoratori di quello che tramonta.

El soldo fa soldo.
I soldi creano i soldi.

El sol se leva par tuti.
Il sole si leva per tutti.

El sorgo fa bon gran, co ’l ga la gamba da venezian.
Il frumento fa buon grano, quando ha il gambo veneziano (sottile).

El sorgo nel campo, g’ha bisogno d’ogni santo.
Il frumento nel campo, ha bisogno di ogni santo.

El tempo e la rason xe sempre del paron.
Il tempo e la ragione sono sempre del padrone.

El vin de casa no imbriaga.
Il vino di casa non ubriaca.

El vin l’è ’l late dei veci.
Il vino è il latte dei vecchi.

Fin che i bezzi dura, amiçi no manca.
Fin che i soldi durano non mancano gli amici.

Fioi e colombi sporca le case.
Figli e colombi sporcano le case.

Genaro forte, tute le vecie se ingura la morte e le zovene se gode drento e fora le porte.
Gennaio forte, tutte le vecchie si augurano la morte, e le giovani godono dentro e fuori dalle porte.

I ani de la fame scominzia ne la grupia del bestiame.
Gli anni della fame cominciano nella greppia del bestiame.

I bezzi xe ’l secondo sangue.
I soldi sono il secondo sangue.

I cani mostra i coioni e i coioni mostra i schei.
I cani mostrano i coglioni, ed i coglioni mostrano le ricchezze.

I difeti xe come i odori: li sente più chi xe atorno che chi li porta.
I difetti sono come gli odori: li sente più chi è intorno di chi li porta.

I fastidi bisogna meterli soto el cavezzal.
I fastidi bisogna lasciarli dormire.

I fioi vien dal cuor, e’l mario da la porta.
I figli vengono dal cuore, e il marito dalla porta.

I nostri veci ga magnà i caponi e i n’à lassà i proverbi.
I nostri vecchi hanno mangiato i capponi e ci hanno lasciato i proverbi .

Int’i campi se vive e in casa se more.
Nei campi si vive ed in casa si muore.

I omeni i gode de le done al zorno che i le tol, e quel che le crepa.
Gli uomini godono le donne il giorno del matrimonio e quello in cui muoiono.

I pitochi co i pol, i siori co i vol.
I poveri quando possono, i ricchi quando vogliono.

I siori g’ha el paradiso de qua, e quel de la i se lo crompa.
I signori hanno il paradiso di qua, e quello di là se lo comperano.

I temporai più grossi i vien a l’improviso.
I temporali più furiosi arrivano all’improviso.

La forza ghe n’incaga a la rason.
La forza se ne frega della ragione.

L’altissimo de sora ne manda la tempesta, l’altissimo de soto ne magna quel che resta, e in mezo a sti do altissimi, restemo poverissimi.
L’altissimo celeste ci manda la tempesta, il governo ci mangia quello che rimane, e in mezzo a questi due altissimi restiamo poverissimi.

L’amor fa passare el tempo, e el tempo fa passar l’amor.
L’amore fa passare il tempo, ed il tempo fa passare l’amore.

L’amor no l’è amor, se no ’l se desgusta sete volte.
L’amore non è amore, se non si disgusta sette volte.

L’amor xe potente, ma l’oro onipotente.
L’amore è potente, ma l’oro onnipotente.

La malinconia l’è n’altra malatia.
La malinconia è un’altra malattia.

La matina xe la mare dei mestieri, e la note dei pensieri.
La mattina è madre dei lavori, e la notte dei crucci.

La morte no g’ha lunario.
La morte non ha lunario.

La piova pian pian, la fota el vilan.
La pioggia pian piano frega il contadino.

La roba no xe de chi la fa, ma de chi la gode.
La roba non è di chi la fa, ma di chi la gode.

La roba sconde la goba.
La roba nasconde la gobba.

Le bone parole onze e le cative ponze.
Le buone parole ungono e le cattive pungono.

Le disgrazie xe sempre pronte, come le tole dele osterie.
Le disgrazie sono sempre pronte, come le tavole delle osterie.

Le mascare val soldi solo in carneval.
Le maschere valgono solo in carnevale.

L’omo più bruto xe quel che g’ha le scarsele roverse.
L’uomo più brutto è quello con le tasche vuote.

L’omo senza soldi, l’è un morto che camina.
L’uomo squattrinato è un morto che cammina.

Megio el tacon del sbrego.
Meglio la toppa dello strappo.

Megio pagar col pelo che co’ la pele.
Meglio pagare con un pelo che non con la pelle.

Megio un amigo che çento parenti.
Meglio un amico che cento parenti.

No se impresta né libri né muger, se nò i và a Cà Donà o a Cà Corner.
Non si prestano libri né moglie, altrimenti si resta senza o cornuti.

Minestra impignatà,
par che la boja e l’è giazzà;
istesso l’è l’amor
de un vecio maridà.
La minestra nella pentola
par che bolla ed è fredda;
lo stesso è l’amore
di un vecchio sposato.

Na casa senza dona xe ’na lanterna senza lume.
Una casa senza donna è una lampada senza lume.

Né con torenti, né con potenti, no sta a strenzer i denti.
Né con torrenti né con potenti, non essere ostinato.

Né re né disnar, se fa mai aspetar.
Né re né pranzo si fanno mai aspettare.

No gh’è nissun ladron che no gh’ava la so divozion.
Non c’è ladrone che non abbia la sua devozione.

No se impresta né libri né muger, se nò i và a Cà Donà o a Cà Corner.
Non si prestano libri né moglie, altrimenti si resta senza o cornuti.

No se pol cantar e anca portar la crose.
Non si può cantare e anche portare la croce.

Novo paron, nova lege.
Nuovo padrone, nuova legge.

O Franza o Spagna basta che se magna.
Francia o Spagna basta che si mangi.

Ogni bela scarpa diventa ’na bruta zavata.
Ogni bella scarpa diventa una brutta ciabatta.

Ogni can mena la coa e ogni mincion vol dir la soa.
Ogni cane mena la coda e ogni minchione vuole dire la sua.

Ogni formigola ama ’l so buso.
Ogni formica ama il suo buco.

Pan, sopressa e compagnia, su nel bosco fa alegria.
Pane, salame e compagnia, nel bosco fanno allegria.

Per amor no se sente dolor.
Quando si fa per amore non si sente dolore.

Per i mati xe sempre la so stagion.
Per i matti è sempre stagione buona.

Per voler saver de tuto, se sa anca de mona.
Per voler sapere di tutto, si appare stupidi.

Picola al balo, granda a cavalo.
Piccola al ballo, ma grande in amore.

Piove le aneme a l’inferno come la neve a l’inverno.
Piovano le anime all’inferno come la neve d’inverno.

Polenta nova e osei de riva, vin de grota e zente viva.
Polenta nuova e uccelli di passo, vino di cantina e gente allegra.

Porco in grassa no xe mai contento.
Porco grasso non è mai contento.

Quando a Bassan vien primavera, se verze la ca’ e la sparesera.
Quando a Bassano viene primavera, si aprono la casa ed il campo degli asparagi.

Quanti bei fiori nasse nei prà selvadeghi.
Quanti bei fiori nascono nei prati selvatici.

Quando el galo canta zo de ora, doman no xe più ’l tempo de sta ora.
Quando il gallo canta fuori ora, domani non farà più lo stesso tempo.

Quando el pitoco buta le braghe sul letto, ghe nasse un fiol.
Quando il povero butta i calzoni sul letto, gli nasce un figlio.

Quando in novembre el vin no xe più mosto, la paeta xe pronta par el rosto.
Quando in novembre il vino non è più mosto, la tacchina è pronta per l’arrosto.

Rispeta ’l can par el paron.
Rispetta il cane per il padrone.

Sacreti de Dio, sacreti de’ sovrani e malizia de’ vilani, no gh’è nissun che la conossa.
Segreti di Dio, segreti di sovrani e malizia di contadini, non c’è nessuno che li conosca.

Saviezza de povar’omo, beleza de putana e forza de fachin, no val un bagatin.
Saggezza di pover’uomo, bellezza di prostituta e forza di facchino non valgono nulla.

Scarpa larga e goto pien, ciàpa le robe come che le vien.
Scarpe comode e bicchier pieno puoi prendere la vita con filosofia.

Se la galina tasesse, nissun savaria che la g’ha fato l’ovo.
Se la gallina tacesse, nessuno saprebbe che ha fatto l’uovo.

Se l’invidia fusse freve, tuto el mondo scotaria.
Se l’invidia fosse una febbre, tutto il mondo scotterebbe.

Se volì vedar el diluvio universal, metì dodese preti a tola a disnar.
Se volete vedere il diluvio universale, mettete dodici preti a tavola per un pranzo.

Sia da cavalo, sia da mulo, sta tre passi lontan dal culo.
Sia dal cavallo che dal mulo, sta tre passi lontano dal culo.

Signor fè che no sia beco:
Se ghe son, fè che no lo sapia:
Se ’l so, fè che no ghe bada.
Signore fate che non sia cornuto:
Se lo sono, fate che non lo sappia:
Se lo so, fate che non ci badi.

Sto mondo xe una cheba de mati.
Questo mondo è una gabbia di matti.

Tanti cani mazza el lovo, e un can solo baia a la luna.
Tanti cani uccidono il lupo, ed un cane solo abbaia alla luna.

Tuti adora ’l so santo.
Tutti adorano il loro santo.

Tuti ga la so ora de mona.
Tutti hanno un momento di ottusità.

Tuto quel che s’ha perso se pol ritrovar, ma la mare mai.
Tutto quello che si è perduto si può ritrovare, ma la madre mai.

Un pare mantien sete fioi, e sete fioi no xe boni da mantegner un pare.
Un padre è capace di mantenere sette figli, e sette figli non riescono a mantenere un padre.

Un pasto magro e un bon, mantien l’omo in ton.
Un pasto leggero ed uno sostanzioso, mantengono l’uomo in efficienza.

Vàrdete da la bubana.
Riguardati dai grandi affari.

Vede più el Papa e el contadin, ch’el Papa solo.
Vedono più quattro occhi che due.

Vegno vol dir speta.
Vengo vuole dire aspetta.

Veneziani gran signori, Padovani gran dotori, Visentini magna gati, Veronesi tuti mati, Udinesi castelani col cognome de Furlani, Trevisani pan e tripe, Rovigoti baco e pipe, i Cremaschi fa cogioni, i Bressan tagiacantoni; ghe n’è anca de più tristi, Bergamaschi brusa-cristi.
Veneziani gran signori, Padovani gran dottori, Vicentini mangia gatti, Veronesi tutti pazzi, Udinesi castellani col cognome di Furlani, Trevisani pane e trippe, Rovigotti vino e fumo, i Cremaschi son coglioni, i Bresciani tagliacantoni; ce ne sono però anche di peggiori, di Bergamaschi bruciacristi.

Vin vecio e dona zovene.
Vino vecchio e donna giovane.

Xe più difiçile far la guardia a ’na femena, ch’a un saco de pulesi.
È più difficile far la guardia ad una donna, che a un sacco di pulci.

 

          
   


 
Site Concept and Content by Ryan Gogol. Site Design and Consulting provided by Twin Towers Design Company.