Digital Dialectics
Home
Oral Traditions
Popular Culture
Poetry & Song
Dialect Encyclopedia
Resources & Links
 

Language / Lingua:

 
          

Back to Menu | Poetry of Northern Treviso | Trevisan Poetry, spoken with heart | Traditional Songs

Poetry from Northern Treviso

La Canzone Di Auliver

“La canzone è stata composta fra la seconda metà del Duecento e i primi decenni del Trecento: è di cinque strofe di dieci endecasillabi.

Il probabile autore è Oliviero di Robegano, che faceva parte del Consiglio dei Trecento nel 1319 e che abitava, a Treviso, nel quartiere del Dom (Duomo).

La lingua “concorda con il veneto antico di tipo trevisano-bellunese, con caratteristiche che ancora si ritrovano in aree conservative nella zona prealpina e alpina, dove permangono fenomeni linguistici da tempo abbandonati nelle città e nella pianura”. (G. B. Pellegrini).

Secondo Gianfranco Contini, l’autore della canzone «è il primo rappresentante noto di quell’espressionismo veneto che, per una trafila culturale ininterrotta, produrrà nel Quattro e nel Cinquecento il linguaggio macaronico; e il pavano pastorale e ruzzantino».

Terza Strofa
(vv. 21-30)

Eu las, zaitif! Fais aisí c’on che struça
al çeuch et altri n’à’l plaxir e l’asi;
e quand eu cred meilg branchar çoi’l me muça
et eu rimang col cor smarid e sfrasi.
Amor sovent tut el corp me speluça,
fame semblant de darme ’l son palaxi;
mas poi me ston con quel ch’a mort sengloça,
né me daraf de aigua pur ’na gloça.
No me val sen, dir, far, sciver né leger,
ch’al meu plaxir ver mi se voglia reger.

Ahi, lasso, malaugurato! Faccio (così) come chi si logora al gioco, mentre altri ne ha il piacere e il guadagno; e quando io credo di afferrare meglio gioia, essa mi scappa ed io resto col cuore smarrito ed affranto. Amore sovente tutto il corpo mi pilucca, mi dà l’impressione di concedermi il suo palazzo (regno), appena me ne sto come colui che singhiozza moribondo, allora non mi darebbe nemmeno una goccia d’acqua. Non mi giova senno, dire, fare, scrivere, né leggere, a che egli voglia comportarsi nei miei riguardi secondo il mio piacere.” .

 

Andrea Zanzotto

da FILÒ

………..

Vecio parlar che tu à inte ’l tó saór
un s’cip del lat de la Eva,
vecio parlar che no so pi,
che me se à descuní
di par dì ’nte la boca (e no tu me basta);
che tu sé canbià co la me fazha
co la me pèl ano par an;
parlar porét, da poreti, ma s’cèt
ma fis, ma tóch cofà ’na branca
de fien ’pena segà dal faldin (parché no bàstetu?) –
noni e pupà i è ’ndati, quei che te cognosséa,
none e mame le è ndate, quele che te inventéa,
nóvo petèl par ogni fiól in fasse,
inra le strússie, i zhighi dei part, la fan e i afanézh.
Girar me fa fastidi, in médo a ’ste masiére
de ti, de mi. Dal dent cagnin del tenp
inte ’l piat sivanzhi non ghén resta, e manco
de tut i zhimiteri: òe da dirte zhimitero?
Élo vero che pi no pól esserghe ’romai
gnessun parlar de néne-none-mame? Che fa mal
ai fiói ’l petèl e i gran mestri lo sconsilia?
Élo vero che scriverte,
parlar vecio, l’è massa un sforzh, l’è un mai
anca par mi, cofà ciór par revèrs,
par straòlt, far ’ndar fora le corde de le man?
Ma intant, qua par atorno, a girar pa’ i marcà,
o mèjo a ’ndar par canp e rive e zhópe
là onde che ’l gal de cristal canta senpre tre òlte,
da juste boche se te sent. Mi ò pers la trazha,
lontan massa son ’ndat pur stando qua
invidà, inbulonà, deventà squasi un zhóch de pionbo,
e la poesia non l’è in gnessuna lengua
gnessun logo – fursi – o l’è busnar del fógo
che ’l fa screcolar tute le fonde
inte la gran laguna, inte la gran lacuna –
la è ’l pien e ’l vódo dela testa-tera
che tas, o zhigna e usma un pas pi in là
de quel che mai se podaràe dirse, far nostro.
Ma ti, vecio parlar, resisti. E si anca i òmi
te desmentegarà senzha inacòrderse,
ghén sarà osèi –
do tre osèi sói magari
dai sbari e dal mazhelo zoladi via -:
doman su l’ultima rama là in cao
in cao de zhiése e pra,
osèi che te à inparà da tant
te parlarà inte ’l sol, inte l’onbría.

 

FEMENE CHE LAVA

Tutte le femene le va dó lavador:
no l’é ’n mistier ’sto qua
ma l’é ‘n destin, cofà l’amor
o’n fiól, o la só ora co la vien.
La va dó l’ora e la lava
co l’aqua che la fila via,
l’aqua che anca de ’sta vita
e no sol de ’ste póche nostre robe
la ne fa pulizhia.

  

DONNE CHE LAVANO: Tutte le donne si recano al lavatoio: / non è un lavoro codesto, / è un destino, come l’amore / o un figlio, o come l’ora nostra quando viene. / Va giù l’ora e lava / con l’acqua che fila via, / l’acqua che anche di questa vita / e non solo di questi nostri pochi indumenti / ci fa pulizia.

 

Luciano Cecchinel

ĐÉBOL L’É ’L PARFUN

Đébol l’é ’l parfun de la ròşa salvàrega
- la lo cuna fursi l’aria đel bòsc -
che sol le şgnare che ’l jaž l’à secà
pól sentir.

Sutil fa i so aghi al saor
đe la baleta blu đel denéver
- al la à inžucherađa ’l nef de la nòt -
che solche i đènt che la fan à ligà
pol sajar

Moneşin l’é ’l fiòc del suşinèr
- al fa gate žigagno,
peđin balerin del ciaro vivo -
che sol i đet che la fađiga fređa à rostì
pol proar.

Fin l’é ’l nef ingelà
- al lo leva sote ’l želèste ’l pra alt,
color đe ale şdefađe tel sol -
che sol i òci che ’l scur l’à inorbì
i pol véđer.

Liđier al susuro đel fastuc in tel vènt
- imişerì ’l trema tel velo đel sol -
che sol le reje che la sòn la à cetà
pol scoltar.

 

DEBOLE È IL PROFUMO: Debole è il profumo della rosa selvatica / - lo la culla forse la brezza del bosco - / che solo le narici che il ghiaccio ha disseccato / possono sentire. // Sottile come i suoi aghi il sapore / della bacca azzurra del ginepro / - l’ha zuccherata la neve della notte - / che solo i denti che la fame ha legato / possono assaporare. // Soffice è il fiocco del susino / - sollecita zingaro, / piedino danzante della luce viva - / che solo le dita che la fatica fredda ha screpolato / possono provare. // Fine è la neve gelata / - la solleva sotto il celeste il prato alto, / colore di ali disciolte nel sole - / che solo gli occhi che l’oscurità ha accecato / possono vedere. // Lieve il sussurro della festuca nel vento / - infreddolita trema nel velo del sole - / che solo le orecchie che il sonno ha acquietato / possono ascoltare.

 

MAŽAROL

I
Co na piova liđiera
đe fior đe casia, đe vènt e đe sol
la me vea olest cior la montagna
- i vee sentisti
şbrisarme moneşini sora i cavéi -
e co gran anèi de maržisi stelađi,
maravée spandeste sora i me đet.
Al roşignòl romit
da le so ceşe fonde
al vea levà ’l so cantar tèndro
- al vee bevest fa ’l jožolamènt pegro
đe na acqua fresca đe vena -.
Col nef cévet fin de i suşinèr
e ’l bonbaşo bof de i talpói e i spenaž
me vea vestì rive e canèle.
In dòta vee bu đa le stele
la manèra uşađa e la spòla lisa,
al restèl şguèlt e ’l faldin canterin
e ’l s-ciaret ciar e la forca đe arđènt
che carói e rùđen
no i varàe mai olest ver.
Al me troi đe nože l’é stat
in tra fien luminađi,
corone đe rame đe fràsen,
foghi şbieghi đe stran.
Liđier e şluşènt ere
fa nef tel sol.
 
II
Par al scur petađiž,
par le ritonde infomentađe
vae a scònderme ’ncói
lontan đa la sagra forèsta
đel sol alt da secagna đe majo.
Mèsteghi i me ien drio la loc rauca
e ’l başalisc sfiađà
e ’n balegamènt fis
fa đe gir boriđi đal fret.
Senža memoria le é le me strađe,
pochi òci đe žendre i à i me cortivi,
murate jerte e inferiađe
le se ingruma inpegađe
torno ’l tàşer umiđo
đe burigòt e ortighe.
Paron de ’n gnent che l’é stat tut,
sior romài sol de besteme caìne,
co la me figura ingropađa
e risađa đe žendađure
fa la scorža cròta đe na žareşèra
fae prožesion,
capato đe ’n carnaval trist,
co i òci gròsi đe la loc spolmonađa
e ’l fià lònc del başalisc senža cresta
e le žate žòte đe i gir stremiđi
fin a i tèrmen frugađi
đe na andreóna che i me à asà vèrta.
E in cao tant dal so fondi scur
su in tra èrle peloşe,
cofà par na catarata tórgola,
me par đe véđer gnèi fa s-ciòt de nèole
sul dòrc de mandre tèndre,
làres alti inpižađi
e jènt che la tira đó pian taje scusađe,
che la cava e la leva
piere ciare par le caşère,
che la torna đó a bas, fin torno i larin
misiađi đe arđènt fin e stele...
e me fa agremar i òci
al fun che bala sora ’l camin
fa incóntroghe ’n fiòc che se şdefa.
.   .   .   .   .   .   .   .   .   .   .
Omi, travi, sioli e larin
che i me vea sieldest par so sior poret.

III
E lora mi
oltra i senç fuliscoşi
đe la me ceşura imagađa
par na sfeşa sol, şmentegađa,
fraže par đescregnar al tràgol jert,
par đestrigar al troi ingateđà...
roài su la me musa vècia,
no pi fien dolž, no stran şluşènt
ma viđişói e rust e lopa e pežòla.
E fae su maşiere đe cròđe
e đe laste ruciađe
fa tanti tariói sparpagnađi,
inpiže larin injažađi...
là su, su là in cao
so che l’é ’n postèrno mèstego
che ò lungà, ò sfregolà ’l nef nèt
e segà ’l fien, fat su la međa
che la savéa đa erba stranuđèla,
ma no ghe rive,
rucia đó cròđe e se incregna su spin
e in tra mèž l’é ’n calif sènpro pi fis
e la é tant ciara e cruđa la fragola
e fa mai pi aspra la mora,
fa mai pi la musa la peşa,
sol che tu proe la te scana la schena.
E đe là l’é fursi ancora gnèi ceti,
lun che trema đe làres,
altar larghi squarađi
đe fasin, de stanghe e đe taje,
larin che spanž inžènsi alti đe raşe
e òmi che sa đe cođolà e lune.

I. Con una pioggia leggera / di fiori di acacia, di vento e di sole / mi aveva voluto prendere la montagna / - li avevo sentiti / scivolarmi morbidi sopra i capelli - / e con grandi anelli di narcisi stellati, / meraviglie spante sopra le mie dita. / L’usignolo solitario / dalle sue chiese fonde / aveva levato il suo canto tenero / - lo avevo bevuto come il gocciolìo pigro di un’acqua fresca di sorgente -. / Colla neve tiepida fine dei susini / e il cotone soffice dei pioppi e i pennacchi / mi avevano vestito rive e canneti. / In dote avevo avuto dalle stelle / la scure affilata e la spola levigata, / il rastrello svelto e la falce canterina / e il cuneo lucido e la forca d’argento / che tarli e ruggine / non avrebbero mai voluto avere. / Il mio sentiero di nozze è stato / fra fieni illuminati, / corone di rami di frassino, / fuochi obliqui di strame. / Leggero e lucente ero / come neve nel sole. // II. Per il buio attaccaticcio, / per le rotonde affumicate / vado a nascondermi oggi / lontano dalla sagra estranea del sole alto siccitoso di maggio. / Mansueti mi seguono l’allocco rauco / e il basilisco sfiatato / e un tramestio fitto / come di ghiri stanati dal freddo. / Senza memoria sono le mie strade, / pochi occhi di cenere hanno i miei cortili, / mura ripide e inferriate / si aggrumano nere come pece / attorno al silenzio umido / di vicoli diroccati e ortiche. / Padrone di un niente che è stato tutto, / signore ormai solo di bestemmie crudeli / con la mia figura annodata / e striata di screpolature brucianti / come la scorza malandata di un ciliegio / faccio processione, / cappato di un carnevale amaro, / con gli occhi grossi dell’allocco spolmonato e il fiato lungo del basilisco senza cresta / e le zampe zoppe dei ghiri sfiniti / fino ai confini consumati / di un androne che mi hanno lasciato aperto. / E in capo a tanto dal suo fondo scuro / su tra edere pelose, / come attraverso una cateratta torbida, / mi sembra di vedere agnelli come cespi di nuvole / sul guaime di spiazzi teneri, / larici alti accessi / e gente che trascina in giù lentamente tronchi scortecciati, / che cava e solleva / pietre bianche per le casere, / che torna giù a valle, fin attorno ai focolari / frammisti di argento fine e stelle... / e mi fa lacrimare gli occhi / il fumo che danza sopra il camino / come incontro ad un fiocco che si scioglie. / . . . . . . . . . . . / Uomini, travi, assiti e focolari / che mi avevano scelto come loro signore povero. // III. E allora io / oltre i segni fuligginosi / del mio recinto ammaliato / per una fessura solo, dimenticata, / rovisto per disinfestare l’erta strada da strascino, / per districare il sentiero aggrovigliato... / rovi sulla mia treggia vecchia, / non più fieno dolce, non strame lucente / ma vitalbe e pungitopo e erba secca ed erica. / Ed elevo cataste di massi / e di lastre di pietra franati / come tanti piccoli altari sparpaglianti, / accendo focolari gelidi... / là su, su là in cima / so che c’è un posto a bacìo mite / dove sono arrivato, ho sbriciolato la neve pura / e tagliato il fieno, alzato la meta / che sapeva d’arnica, / ma non ci arrivo, / scivolano giù massi e allignano spini / e in mezzo c’è una foschia sempre più fitta / ed è tanto rada e cruda la fragola / e come non mai aspra la mora, / come non mai la treggia pesa, / solo che provi ti spezza la schiena. / E di là ci sono forse ancora agnelli quieti, / lumi tremanti di larici, / altari larghi squadranti / di fascine, di stanghe e di tronchi, / focolari che spandono incensi alti di resine / e uomini che sanno di acciottolati e lune.

 

A. CASON, Poesia trevisana in dialetto. Antologia dai primitivi ai contemporanei , Treviso, 1979, p. 11-12.

Verso Poesia. Incontri con la grande poesia veneta , Comune di Venezia, 2001, p. 19-20.

Verso Poesia , cit., pag. 21.

L. CECCHINEL, Al tràgol jért. L’erta strada da strascino, Milano, 1998, p. 11-12.

L. CECCHINEL, Al tràgol jért, cit., p. 131-136.

 

          
   


 
Site Concept and Content by Ryan Gogol. Site Design and Consulting provided by Twin Towers Design Company.