Digital Dialectics
Home
Oral Traditions
Popular Culture
Poetry & Song
Dialect Encyclopedia
Resources & Links
 

Language / Lingua:

 
          

Back to Menu | Poetry of Northern Treviso | Trevisan Poetry, spoken with heart | Traditional Songs

Traditional Songs

SONGS FROM WORLD WAR I


Senti Cara Nineta
arm. B. Sanson

 
Senti cara Nineta
cosa m’è capità
m’è capità ‘na carta
che sono richiamà.

Se sono richiamato,
bella no sta zigar,
fra quattro o cinque mesi
mi vegno congedà.

Senti cara Nineta
il treno a cifolar,
salir su la tradotta,
alpin mi tocca andar.

 

Ta Pum
elab. E. Casagrande

 
Ho lasciato la mamma mia
l’ho lasciata per fare il soldà
ta-pum ta-pum ...

Venti giorni sull’Ortigara
senza il cambio per dismontar
ta-pum ta-pum ...

Quando portano la pagnotta
il cecchino comincia a sparar
ta-pum ta-pum ...

Nella valle c’è un cimitero
cimitero di noi soldà
ta-pum ta-pum ...

 

Ai Preat
elab. D. Stella

 
Ai preat la biele stele,
duch i Sants del Paradis,
che il Signor fermi la uère,
che il miò ben torni al pais.

Ma tu, stele, biele stele,
fa’ palese il miò destin:
va’ daùr di che montagne,
là ch’a l’è il miò curisin!

 
HO PREGATO: Ho pregato la bella stella, / tutti i Santi del Paradiso, / che il Signore faccia cessare la guerra, / che il mio amore torni a casa. // Ma tu, stella, bella stella, / rendi palese il mio destino: / va’ dietro a quella montagna, / là dove c’è il mio amore.

 

SONGS FROM THE “OSTERIA” (PUB)

 

LUNEDI POI

Lunedì poi
ò fato la ciùca
grande barùfa
no vòlio a lavoràr
(ripetere)

Martedì poi
l’é ’l giorno seguénte
no vòlio far niente
no vòlio a lavoràr
(ripetere)

Mercoldì poi
l’é giorno di mercàto
sarèbe un gran pecàto
no vòlio a lavoràr
(ripetere)

Giovedì poi
me càsca el martèlo
e pròpio par quello
no vòlio a lavoràr
(ripetere)

Venerdi poi
l’é morto el Signóre
che grande dolore
no vòlio a lavoràr
(ripetere)

Sabato poi
è fine setimàna
sarèbe una condàna
no vòlio a lavoràr
(ripetere)

Arìva la doménica
me méto sui cantóni
e spèto i paróni
che vègna a ripagàr
(ripetere)

E quello che arìva
l’é tuto rabiàto
«Bruto viliàco va via da de qua
va via da de qua»
(ripetere)

E noi sian de la lingèra
che poco ce ne inpòrta
manda su l’ostia
la fàbrica e el parón!
(ripetere)

 

L’INO DE SAMÀRCO

 
E l’ìno di guèra «Samàrco dei fiori»
il nostro vessìlo voliàmo sui mar.
Il nostro - vessìlo - voliàmo sui mar!

Fate silénsio
fra tanti canali
si sente la voce del sol gondolièr,
che spinge la barca
vogando sul remo
cantando con voce
sta mèsta cansón!

«Mia cara Venèssia
mia sposa dillèta
tu fosti regìna, possénte sui mari.
Tu fosti regìna
possénte sui mari
cità di glorie, sperànse e d’amor.
Viva Venèssia!
Viva Samàrco!
Evìva le glorie del nostro leon!
Vìva
le glorie
del nostro
leon!»

 

VIEN MORETINA

 
Vien, vien, vien, moretìna vien
vien’n canpàgna vien’n canpàgna,
vien vien, vien, moretìna vien
vie’n canpàgna a far su el fén.

Quando ’l fén sarà ben voltà
noi andremo noi andremo,
quando el fén sarà ben voltà
noi andremo in mèso al prà.

Libertà o la libertà,
l’aria è pura l’aria è pura,
libertà o la libertà,
l’aria è pura in mèso al prà.

Fiòi, fiòi, fiòi da maridàr
’e dòne di altri ’e dòne di altri,
fiòi, fiòi, fiòi da maridàr
’e dòne di altri ’assée star.

 

Brani scelti dalla registrazione Di memoria e di pietà. Canti della Grande Guerra e testi poetici, Vittorio Veneto, 1999.

Brani scelti dall’Abecedario dei villani. Un universo contadino veneto di Ulderico Bernardi, Carità di Villorba, Treviso, 2001.

 

          
   


 
Site Concept and Content by Ryan Gogol. Site Design and Consulting provided by Twin Towers Design Company.